Un’opera iniziata, ma rimasta ferma a causa del mancato pagamento alla ditta appaltatrice ad opera della Regione, del primo stato avanzato dei lavori. La situazione di stallo legato alla rete fognaria della frazione Castello, il cui completamento era quindi rimasto sospeso, può finalmente trovare un definitivo sbocco grazie all’intervento della stessa Regione che ha sbloccato quei fondi, per un importo complessivo pari a circa 700mila euro, destinati a saldare proprio quella pendenza.

Questa mattina, l’amministrazione comunale, insieme al dirigente ai lavori pubblici, e alla ditta incaricata, hanno svolto un sopralluogo sulla zona per concordare la ripresa. «Attendevamo da tempo – spiega l’assessore Michele Graziano –  l’ok definitivo per consentire la ripresa dei lavori. Non era più tollerabile tenere fermo quanto già intrapreso da tempo per mere questioni burocratiche. Appena giunto il via libera ci siamo immediatamente attivati, insieme all’ufficio tecnico, per concordare con la ditta appaltatrice la ripresa. Ora possiamo aspettare con fiducia la conclusione dell’opera affinché la frazione possa disporre di una rete fognaria efficiente».

Soddisfatto anche il commento del sindaco: «Dopo tanti anni – ha affermato Vincenzo Carbone – è stato finalmente fatto per Castello qualche cosa d’importante. Questo testimonia la grande attenzione che la mia amministrazione rivolge alle periferie. Ho sempre considerato questa frazione un piccolo gioiello, non solo da salvaguardare, ma anche da valorizzare, tutelando innanzitutto chi ci abita. La ripresa dei lavori alla rete fognaria non può che rendermi felice, ma auspico pure che sia solo un passo verso uno sviluppo più ampio di un posto meraviglioso che merita di essere valorizzato appieno. Noi ce la stiamo mettendo tutta, non trascurare queste zone del paese è obiettivo prioritario che, sempre nei limiti di quanto ci è reso possibile da burocrazia e ristrettezze economiche, proviamo a rendere concreto e reale. Oggi ne stiamo dando un’ulteriore conferma, nonostante le enormi difficoltà con le quali, quotidianamente, siamo costretti a fare i conti. Castello rimane al centro della nostra attenzione».

Castello panorama