Cominciano ad arrivare provvedimenti disciplinari per i dipendenti della Circumvesuviana, i macchinisti in questo caso, che si sarebbero rifiutati di partire senza capotreno sulla linea che da Napoli porta a San Giorgio a Cremano, la stessa dove nel 2010 ci fu il deragliamento che provocò due morti e 58 feriti. A riportare la notizia è l’edizione online de Il Mattino.

La protesta, secondo l’Eav, è illegittima e sono arrivate le prima sanzioni che riguardano la sospensione di due giorni “dal soldo e dal lavoro” c’è scritto nelle lettere. In sostanza, i macchinisti non lavoreranno e quei giorni saranno detratti dallo stipendio. Una decisione che fa inevitabilmente cresce il malumore nel personale.

Circumvesuviana