Home Cronaca Nascondevano la droga dietro al bidet, nei guai marito e moglie di...

Nascondevano la droga dietro al bidet, nei guai marito e moglie di Poggiomarino

Nascondevano la droga in bagno, precisamente all’interno di un’intercapedine del bidet. È qui, infatti, che i carabinieri della stazione di Poggiomarino hanno trovato le sostanze stupefacenti, ben celate da una coppia del posto, che però non è riuscita a farla franca nei confronti dei militari dell’Arma. Gli uomini in divisa, agli ordini del maresciallo Andrea Manzo, sono stati infatti più bravi dei due coniugi, che erano in possesso di cocaina e cocaina da fumo.

L’operazione delle forze dell’ordine è avvenuta in via Botteghelle, al confine tra Poggiomarino e Boscoreale, nell’arteria nota per avere fatto litigare in passato le due amministrazioni comunali a causa delle competenze sui lavori di restyling. A finire nei guai, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, sono stati una donna, E. S., 38 anni, ed il convivente M. C., 33 anni entrambi incensurati. I carabinieri hanno seguito una pista in merito a cui ci sarebbero stati movimenti strani proprio davanti all’abitazione di periferia ed in aperta campagna.

Una volta giunti sul posto, i militari dell’Arma hanno avviato una profonda ispezione all’interno dell’appartamento, non tralasciando praticamente nulla. Ed è proprio attraverso questa capillare azione che uno dei carabinieri ha messo le mani dietro al bidet, toccando subito qualcosa di strano laddove c’è il sistema di caduta delle acque, proprio sotto alla ceramica. Ha tirato fuori una busta che poi è risultata appunto contenere sostanze stupefacenti. Per la precisione sono state trovate ben 23 dosi di cocaina per un peso complessivo di circa 8 grammi, e ancora altri due grammi e mezzo di polvere bianca da fumare.

Ma la perquisizione è andata avanti e nel corso del blitz le forze dell’ordine hanno anche rintracciato un bilancino di precisione perfettamente funzionante ed utilizzato per confezionare le singole dosi, oltre alla somma in contanti di mille euro esatte composta da banconote di vario taglio e che gli uomini in divisa hanno ritenuto provento di illecita attività. La droga, gli strumenti e naturalmente anche i soldi sono stati posti sotto sequestro, mentre la coppia di coniugi-pusher è stata portata in caserma.

Qui la 38enne ed il 33enne sono stati denunciati a piede libero dai carabinieri di Poggiomarino con l’accusa di detenzione di stupefacente ai fini di spaccio. La cocaina, dopo le formalità del caso, sarà naturalmente distrutta. Marito e moglie, dunque, attenderanno di essere processati da persone libere.

Exit mobile version