Ancora scompiglio a Palazzo Baronale. Ieri prima del Consiglio Comunale colpo di scena: il consigliere comunale Cinzia Mirabella, capogruppo di Forza Italia, chiede un incontro con il primo cittadino. Di seguito a tale colloquio pare che le incomprensioni dei mesi scorsi siano state chiarite e che sia giunta al termina l’era del duo dei dissidenti Caldarola – Mirabella.

«Abbiamo cercato di chiarire alcuni aspetti delle varie vicende in sospeso – sostiene il sindaco Ciro Borriello – in modo da cancellare qualsiasi tipo di ombra e coinvolgere maggiormente Cinzia Mirabella all’interno della squadra di governo cittadino». Secondo alcune voci di corridoio, Borriello avrebbe addirittura offerto una poltrona di assessore al marito del consigliere Mirabella, Gerardo Mazzeo. Proposta che forse, a questo punto, la ex dissidente non ha potuto rifiutare.

«Non abbiamo assolutamente affrontato questioni legate a rimpasti in giunta o valzer di assessori – chiarisce però il sindaco – l’interesse principale, al momento, resta recuperare una risorsa importante come Cinzia Mirabella alla causa dell’Amministrazione Comunale». Altre voci insistenti, tuttavia, continuano a ritenere che il reale scopo del primo cittadino sia quello di allontanare dalla maggioranza l’unica vera spina nel fianco che abbia mai avuto, Luigi Caldarola, e che abbia, in realtà, ottenuto il favore della Mirabella promettendo la nomina del marito di membro Ato (Ambito Territoriale Ottimale).

Che si tratti di una manovra politica architettata dal sindaco per timore di un colpo di mano che avrebbe potuto segnare la fine dell’Amministrazione costringendo tutti ad andare a casa? Questo non è dato saperlo. Sappiamo solo che dopo numerose battaglie Cinzia Mirabella ha deciso di gettare la spugna, malgrado si sia sempre proclamata contro la linea politica di Borriello, e di giungere ad un compromesso riscrivendo le sorti di tutti.

Ciro-Borriello