Abusivismo edilizio, il Comune di San Giuseppe si impadronisce di altri 3 immobili irregolari


418

Continua a mettere “fieno in cascina”, il Comune di San Giuseppe Vesuviano che ha emanato altre tre ordinanze di acquisizione nel patrimonio pubblico di altrettanti immobili costruiti in regime di abusivismo edilizio: si tratta di tre fabbricati per abitazioni, piccole villette familiari ancora in fase di realizzazione e che non rappresentavano l’unica alternativa abitativa per il proprietario. Adesso, questi tre stabili sono diventati comunali.



Il municipio, dunque, sta traendo il massimo dalla norma che permette di non disporre in tutti i casi l’abbattimento degli abusi edilizi. Nell’ultimo anno l’Amministrazione del sindaco Vincenzo Catapano è riuscita ad acquisire ben 30 immobili costruiti senza alcun permesso e spesso in zone anche vincolate dai limiti dell’Ente parco del Vesuvio. Un lavoro duro, reso possibile anche dalla vasta task force messa in atto dalla polizia municipale che quotidianamente si batte contro il “mattone selvaggio”.

Toccherà poi a Giunta e consiglio, nei prossimi mesi, trovare una destinazione d’uso per le case tolte ai privati. Alcuni immobili potrebbero essere donati ad associazioni o altri enti sovracomunali così come accaduto a Terzigno, con il sindaco Ranieri che ha già “girato” uno stabile all’Ente Parco del Vesuvio. Intanto, però, San Giuseppe resta in prima linea per provare ad evitare le demolizioni delle case di prima necessità.

abusivismo-polizia-municipale

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE