In questi ultimi mesi si è discusso molto, a Torre del Greco, sulla questione legata all’ improvvisa “proliferazione” delle strisce blu in città. Sempre più cittadini si rivolgono all’Amministrazione Comunale per chiedere spiegazioni nonché la riduzione delle aree di sosta a pagamento ed anche sui social la polemica non accenna a diminuire.

Proprio ieri è stata presentata al Consiglio Comunale una proposta avente come oggetto l’affidamento in concessione delle aree di sosta a pagamento senza custodia, compresa l’area parcheggio ex “SS. Trinità” e l’area parcheggio “Giovanni Palatucci”. Il motivo (si legge nella delibera): “la gestione diretta presuppone, per l’attività di gestione e vigilanza, una complessa e strutturata organizzazione che in atto non può essere assicurata”.

Sempre dalla delibera si evince la possibilità che nuove aree di sosta a pagamento possano essere individuate anche se unicamente nelle zone commerciali ma che dovranno essere individuate anche aree adibite a parcheggio libero almeno per il 30% del totale.

«Esprimo la mia perplessità relativamente alla delibera sottoposta alla nostra attenzione – afferma il Consigliere Comunale Luigi Caldarola durante il Consiglio di ieri – Il parcheggio “Giovanni Palatucci” (anche noto come parcheggio “La Salle”) si trova in una zona ad alta densità abitativa per cui i residenti andrebbero ad essere penalizzati laddove si decidesse di approvare la delibera. Faccio inoltre presente che – continua – il suddetto parcheggio è adiacente al complesso “La Salle”, dove sono ubicati gli uffici comunali, nonché alla Villa Comunale “S. D’Acquisto” ed è molto utilizzato anche da coloro che si recano al Cimitero comunale per cui l’istallazione di aree di sosta a pagamento andrebbe a discapito di tutti i cittadini. Per tale motivo propongo che la delibera venga ritirata e sottoposta ad una più ampia discussione».

La proposta di Caldarola, bocciata dalla maggioranza, ha avuto il solo voto favorevole del Consigliere Mirabella. «Nonostante la mia proposta non sia stata accolta – conclude il consigliere – continuerò ad avanzare proposte affinché le richieste dei cittadini non restino fini a se stesse».

M
M