Selfie, abbracci e applausi: Luigi Di Maio fa impazzire Poggiomarino e dà una spallata al voto


260

Accolto come una star più che come un politico: è Luigi Di Maio, il volto fresco e giovane del MoVimento 5 Stelle, quel 29enne di Pomigliano d’Arco che in molti vedrebbero bene come premier. È arrivato a Poggiomarino da vicepresidente della Camera, a bordo di una normalissima Fiat Punto grigia, senza naturalmente scorta né auto blu. Ed è andato via tra l’affetto della gente, di almeno 300 persone (tantissime per essere le 17 di un festivo a Poggiomarino), che gli hanno chiesto selfie, abbracci e di “salvare l’Italia”.



Ed a quanto pare a Di Maio sono arrivate voci sulle principali coalizioni locali, di cui una ha copiato parte di un programma dei pentastellati di un comune del Nord, mentre il reddito di cittadinanza è fortemente voluto da una delle liste che sostiene il sindaco uscente: «Da parte nostra non c’è nessun problema se ci copiano il programma – dice – ma poi dovrebbero anche attuare le cose che scrivono. Il reddito di cittadinanza così come concepito da noi è una cosa seria che nel resto d’Europa esiste almeno da 30 anni. Quello che voglio dire agli elettori di Poggiomarino è di vaccinarsi dalle balle e dalle trovate elettorali e di dare fiducia ad un gruppo di cittadini che non promette ma che fa».

Poi un po’ di temi di carattere nazionale: «Noi non diremo mai “faremo”, ma possiamo dire quello che abbiamo fatto, mentre gli altri stanno adesso addirittura chiedendo indietro i famosi 80 euro di Renzi. Abbiamo chiesto al Governo di abolire Equitalia, hanno rifiutato la proposta, ma lo stiamo facendo in 10 dei 15 Comuni che amministriamo. Poggiomarino può essere tra questi se votate il MoVimento 5 Stelle». E poi le banche, il taglio degli stipendi, Mafia Capitale e gli interessi dei grandi partiti, tutti argomenti che hanno strappato applausi dalla platea.

Spazio, naturalmente, anche al candidato sindaco, Ciro Aniello D’Ambrosio: «A Poggiomarino abbiamo già fatto tante proposte, tra cui quelle del Piedibus messa in pratica dall’Amministrazione. Essere dei “5 Stelle” nella nostra città è molto difficile. Noi ci candidiamo da soli contro tre carrozzoni formati da 4 e 5 liste, e inoltre non abbiamo i grandi portatori di voti. Ma la nostra scelta è garanzia di onestà, trasparenza e stabilità. Il vero cambiamento siamo noi».

di maio poggiomarino

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE