Presero in ostaggio il camionista che stava trasportando un carico di pesce da circa 200mila euro per poi abbandonarlo nelle campagne di Terzigno. Furono arrestati in quattro, ma intanto uno dei rapinatir è stato scarcerato: si tratta di Gennaro Immobile, 42 anni, che nella vicenda così come dimostrato dai suoi legali avrebbe avuto un ruolo marginale.

Restano invece dentro i fratelli Giovanni e Gennaro Tufano, rispettivamente di 51 e 54 anni, entrambi di San Giuseppe Vesuviano, e Ferdinando Milone, 63 anni, del quartiere San Giovanni a Teduccio. Ad allertare i poliziotti era stata la società di gestione dell’impianto satellitare, che fungeva da antifurto sull’autoarticolato. Il mezzo pesante venne trovato a Palma Campania.

rapinatir