«Ieri sera e durante tutta la notte dello spoglio ho atteso i risultati elettorali insieme alla mia squadra. Insieme come sempre. Unita, emozionata, a tratti tremante. Così come abbiamo vissuto l’intera avventura. Abbiamo esultato reciprocamente per i risultati, pensando solo al gruppo. Niente personalismi, né fughe in avanti. Ecco, credo che questo sia stato premiato dai poggiomarinesi, una unione difficile da scardinare. Ora ci aspettano altre due settimane di intenso lavoro, ma non mi spaventano. Impossibile con l’entusiasmo dei miei ragazzi. Grazie infinitamente ai poggiomarinesi, grazie per averci portato al ballottaggio. Ancora pochi giorni di attesa. Poi governeremo insieme. Poggiomarino lo merita». Questa la dichiarazione di Maurizio Falanga, candidato sindaco arrivato al ballottaggio.

A scontrarsi con Falanga è il sindaco uscente Leo Annunziata che dopo avere ringraziato gli elettori su Facebook dice: «Sono estremamente felice del consenso elettorale ricevuto, si consolida il trend verso la mia persona. Guadagno rispetto alla mia coalizione. Sono fiducioso che il 19 giugno che il popolo di Poggiomarino confermerà la sua fiducia nei miei riguardi». Insomma, entrambi i candidati allo “spareggio”, vista anche la posizione di perfetta parità sono convinti di vincere.

Il terzo arrivato, Francesco Nappo detto Marcello, afferma: «Risvegliarsi così brutalmente da un sogno cullato, alimentato e protetto per mesi, è veramente difficile da accettare. Ma i numeri sono quelli. Solo quelli contano. Indicano chi Poggiomarino preferisce. Non li condivido ma li rispetto. E proprio nel segno del rispetto che ha caratterizzato la mia avventura che dico a Leo Annunziata e Maurizio Falanga: “In bocca al lupo”. Queste altre due settimane di ballottaggio sono i tempi supplementari al termine dei quali verrà scelto non chi dovrà alzare un trofeo, ma chi dovrà rialzare Poggiomarino».

Senza titolo-1