È tornato libero ieri G.P., 16 anni, figlio di uno dei boss del clan Aquino-Annunziata di Boscoreale, egemone al Piano Napoli. L’adolescente era finito nella “rete” degli arresti nel corso dell’operazione del 27 maggio quando furono “distribuite” 22 ordinanze di misure cautelari e chiusa una delle più grandi piazze di spaccio del rione di via Settetermini.

Il gip ha accolto la tesi difensiva dei legali, e così il ragazzino potrà attendere l’esito del procedimento giudiziario a suo carico da persona libera. Proprio ieri, infatti, ha lasciato la comunità per minori di Casal di Principe dove era stato condotto subito dopo la retata dei carabinieri torresi avvenuta anche con cani antidroga e con gli elicotteri.

Nel corso del blitz furono colti sul fatto anche sei minori, alcuni dei quali avevano il ruolo di vedette, cioè di avvisare i pusher nel momento in cui le forze dell’ordine mettevano piede al Piano Napoli. Nell’ordinanza che portò agli arresti della settimana scorsa sono stati ricostruiti qualcosa come 400 episodi di spaccio di stupefacenti.

Immagineelicottero1