I carabinieri della compagnia di Torre Annunziata, del gruppo tutela del lavoro di Napoli e personale dell’Asl Napoli 3 Sud e igiene e medicina del lavoro di Pomigliano D’Arco hanno effettuato controlli per contrastare le violazioni in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro, il lavoro irregolare e l’illecito smaltimento di rifiuti.

Sono stati denunciati in stato di libertà a San Giuseppe Vesuviano: un 34enne cinese, titolare di un opificio del luogo, per aver violato penalmente le norme in materia di sicurezza sul lavoro e smaltimento dei rifiuti. I carabinieri hanno accertato che non era in possesso del formulario per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. I locali sono stati sottoposti a sequestro insieme a 8 macchine per cucire; una cittadina cinese 58enne, residente a Terzigno, titolare di un opificio di San Giuseppe Vesuviano per violazioni in materia di sicurezza sul lavoro e smaltimento dei rifiuti. Neanche lei era in possesso del previsto formulario per la raccolta e smaltimento dei rifiuti. I locali, 5 macchine per cucire e 10 grossi sacchi di plastica contenenti scarti della lavorazione tessile sono stati sequestrati.

A Terzigno è stato scoperto un opificio completamente abusivo, gestito da un cittadino cinese di 52 anni responsabile di 17 violazioni penali e 6 violazioni amministrative, dalla sicurezza sul lavoro allo smaltimento dei rifiuti. Le sanzioni comminate ammontano a circa 40mila euro. Ai locali sono stati apposti i sigilli e l’attività è stata sospesa.

fabbriche opifici