Traffico di droga e corruzione nei confronti di un carabiniere per ottenere informazioni riservate. È quanto emerso dalle indagini avviate nel 2015 dai carabinieri del comando provinciale di Napoli, con il coordinamento della Dda partenopea e che coinvolge 3 pregiudicati, ritenuti legati ai clan Polverino, Nuvoletta e al gruppo emergente degli Orlando, attivi nella zona di Marano, una persona che faceva da intermediario e due militari coinvolti.

I militari dell’Arma hanno arrestato 3 persone per traffico illecito di sostanze stupefacenti, ritenuti contigui al sodalizio camorristico operante sul territorio di Marano, composto da elementi del gruppo Polverino, del gruppo dei Nuvoletta e del gruppo emergente degli Orlando, particolarmente attivi nel settore del traffico e spaccio di stupefacenti.

In manette sono finiti 38enne Angelo Di Maro, residente a Mugnano di Napoli, il 42enne Massimo D’Onofrio originario di Bari, il 49enne Francesco Sepe, già detenuto agli arresti domiciliari, e il 35enne di Pomigliano d’Arco, Angelo Cantone. Ai domiciliari è finito il 69enne Domenico De Martino; divieto di dimora nelle province di Napoli e Caserta per il 37enne Francesco Papa.

Dalle indagini sono stati evidenziati i contatti tra gli stessi ed un militare dell’Arma dei carabinieri in servizio presso la Tenenza di Marano di Napoli, il quale, in cambio di svariati vantaggi, anche di natura strettamente economica, forniva informazioni d’ufficio riservate ad uno degli indagati, componente del sodalizio criminale, anche mediante illeciti accessi alla Banca dati.

CARABINIERI-nella-notte