Sgomento questa mattina per la morte di una donna 58enne avvenuta nella stazione della Circumvesuviana di via Vittorio Veneto, a Marigliano. È stato probabilmente un infarto ad uccidere la viaggiatrice, che ironia della sorte si stava recando all’ospedale Cardarelli di Napoli per una visita cardiologica. Secondo il sindacato Orsa si tratta però di una tragedia che forse poteva essere evitata.

Le scali mobili della stazione sono infatti rotte e prima di arrivare sulla banchina, la donna è stata costretta a percorrere a piedi – così come raccontato dall’edizione online de Il Mattino – ben 120 gradoni. Una fatica che potrebbe essere costata cara alla donna, o semplicemente una banale e tragica coincidenza. Fatto sta che la 58enne si è accasciata una volta arrivata alla fermata, ed a nulla sono serviti i soccorsi.

scala mobili