In un esercizio commerciale di Sant’Anastasia di via Marconi, i carabinieri della compagnia di Torre del Greco, insieme al personale dell’Enel, hanno scoperto che il titolare aveva sistemato una calamita sul contatore per evadere i consumi.

In quel modo il consumo di energia calava dell’82%: la stima del danno alla società di fornitura è pari a 14.700 euro. Il proprietario, Luigi Raia, 39enne, del luogo, è stato arrestato per furto aggravato e continuato di energia elettrica. Dopo le formalità di rito è stato sottoposto ai domiciliari in attesa del rito direttissimo.

furto corrente