Ricoverato con febbre alta, muore 55enne di Pompei: aperta l’inchiesta per malasanità


261

La Procura della Repubblica di Torre Annunziata ha aperto un’inchiesta sul decesso di un 55enne di Pompei, Giuseppe Ruocco, ricoverato il 7 maggio scorso per con febbre alta al Pronto soccorso dell’ospedale di Sorrento, dove è morto dopo qualche ora.



È stata disposta la riesumazione della salma del 55enne per un’autopsia che dovrà stabilire se l’uomo, autista di una cooperativa di trasporto turistico tra Sorrento e Positano, sia stato vittima di un caso di malasanità, come denunciano la moglie e i figli.

«Mio padre che è stato ricoverato alle 18 di sabato scorso con febbre altissima, ed è deceduto alle 3,15 della mattina seguente, restando sulla barella in pronto soccorso per tutto il tempo – afferma la figlia, Fabiana – ma sul certificato di decesso è scritto che è morto alle ore 18.15, cioè un quarto d’ora dopo il ricovero, per infarto. Ma un elettrocardiogramma non gli è stato mai praticato». I carabinieri di Pompei, ai quali i familiari del defunto hanno presentato un esposto, hanno sequestrato la cartella clinica di Giuseppe Ruocco.

Malasanità

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE