Si è svolta il 9 aprile la Parigi-Roubaix dilettanti su un percorso di 172 chilometri, 52 e mezzo dei quali in pavé. Hanno preso parte a questa classica di primavera anche tre ciclisti di Poggiomarino: Nicola Iervolino, Luigi Balzano e Antonio Aliberti. I tre hanno deciso di partire nonostante la prematura e recente scomparsa di Raffaele Di Sarno il quale avrebbe voluto fortemente partecipare a questa corsa, ma che purtroppo ha lasciato i suoi amici il 29 marzo, i quali hanno deciso comunque di partire e di ricordarlo così, dedicandogli il loro impegno nella gara.

Una corsa molto dura, quella che hanno dovuto affrontare i tre atleti di Poggiomarino partiti con le casacche della “Bike Division” e che ha visto su 3.700 iscritti arrivare al traguardo all’incirca 3.000 atleti. Il pezzo che ha fatto selezione nel gruppo è stato lo storico tratto di pavé del “trouée d’Arenberg” lungo circa 3 chilometri. Ma a rendere l’impresa ancora più ardua sono stati anche i vari strappi presenti e tratti sempre di pavé ed in salita. Ma alla fine grazie alla loro forza di volontà sono giunti al traguardo e cosi hanno potuto onorare la memoria di Raffaele Di Sarno, che avrebbe voluto partecipare fortemente alla corsa.

Grande la commozione di Luigi, Nicola e Antonio i quali hanno voluto ricordare Raffaele anche con un striscione: «In fondo è lassù a vegliare su di noi, e probabilmente starà pedalando insieme ai più grandi idoli del ciclismo, Coppi, Bartali, Pantani, Fignon, Fuente e El Chava, Jimenéz, grandi corridori che hanno fatto la storia, ma anche il nostro Raffaele che ha fatto la storia nel suo piccolo dedicando fino all’ultimo giorno di vita a questa sua passione».

ciclisti poggio