Un sopralluogo è stato eseguito dai carabinieri del Noe, il Nucleo operativo ecologico, a Cava Fiengo, un’area di 15 ettari all’interno del Parco del Vesuvio dove per anni sono stati sversati rifiuti speciali di ogni genere. L’intervento dei militari è stato coordinato dal procuratore aggiunto Nunzio Fragliasso, che dirige la sezione reati ambientali.

La discarica è stata individuata in seguito alle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia che ha riferito in particolare come nella zona siano state abbandonate pezze di scarto e residui di lavorazione dell’abbigliamento, nonché materiale edile e altri rifiuti speciali. La procura preme perché si metta mano alla bonifica del territorio che, in assenza di responsabilità da parte degli attuali proprietari (gli sversamenti risalgono a molti anni fa) dovrebbe spettare a Comuni e Regione.

Nella ex discarica si verificano fenomeni di autocombustione e si notano dovunque fumarole prodotte dalle reazioni chimiche dei rifiuti sotterrati. Esami sono stati svolte di recente anche dall’Arpac.

rifiuti vesuvio ok