Torna libero Natale Scarpa, 47 anni, nipote omonimo del superboss del clan di Torre Annunziata e dell’area boschese rimasto ucciso il 14 agosto del 2006 in un agguato davanti allo stadio Giraud (nella foto la scena dell’omicidio). L’uomo ha scontato la sua condanna di sette anni in carcere dopo una condanna per spaccio di sostanze stupefacenti gestito dalle cosche malavitose.

Il nipotino di “Zì Natalino” ha quindi pagato completamente il suo debito con la giustizia, anche se – come riportato dal quotidiano Roma – gli restano due processi da affrontare come imputato per evasione. L’uomo, infatti, ha trascorso l’ultimo periodo di detenzione agli arresti domiciliari, da cui sarebbe sfuggito per ben due volte.

omicido scarpa