Sono due gli operai morti – e non tre come precedentemente diffuso – nell’incidente avvenuto sulla strada statale 7 bis di Terra di Lavoro, a Nola, dove un tir ha travolto cinque operai che stavano lavorando in un cantiere. Due operai e il conducente del tir sono rimasti feriti mentre un operaio è uscito illeso dall’incidente. Anas comunica che è provvisoriamente chiuso al traffico un tratto della strada statale 7bis di Terra di Lavoro in corrispondenza del km 43,150, in direzione di Nola.

Il sinistro, sulle cui cause sono in corso accertamenti, è avvenuto in maniera autonoma: un mezzo pesante, probabilmente fuori controllo, ha travolto il personale di un’impresa che per conto di Anas stava eseguendo interventi di pulizia delle cunette, causando il decesso di due addetti ai lavori della ditta. Il traffico, in direzione di Nola, è attualmente deviato con indicazioni sul posto con uscita obbligatoria verso il Cis di Nola. Sul posto è presente il personale dell’Anas e delle forze dell’ordine; la regolare circolazione verrà ripristinata nel più breve tempo possibile.

Si sta incentrando sull’autista del tir che ha provocato la morte dei due operai, l’attività della polizia stradale. In particolare le forze dell’ordine stanno cercando di capire a quale velocità viaggiasse il mezzo e se l’autista – che è ricoverato in ospedale sotto choc – avesse assunto alcolici o sostanze psicotiche. Sono già state raccolte, inoltre, le testimonianze di alcuni persone presenti al momento dell’incidente per ricostruire l’esatta dinamica del fatto.

Chi ha visto ha parlato di «un tir totalmente fuori controllo». Dopo l’impatto il mezzo pesante ha finito la sua corsa con le ruote dell’asse destro fuori dalle carreggiata stradale e sospese nel vuoto. Sul luogo dell’incidente anche il capo della procura di Nola, Paolo Mancuso.

tir incidente nola