Otto tonnellate di sigarette di contrabbando sequestrate a Striano dalla Guardia di Finanza, un mega-blitz che ha portato a cinque arresti. Ad agire la Guardia di Finanza di Napoli che in questa fase sta aumentando i servizi tesi al contrasto dei traffici illeciti, specie con riferimento alla recrudescenza del fenomeno del contrabbando di tabacchi lavorati esteri.

In questo caso le Fiamme Gialle hanno individuato un deposito agricolo, di circa 200 metri quadrati a Striano ed utilizzato quale luogo di stoccaggio di sigarette di contrabbando, sorprendendo cinque responsabili intenti a svuotare da un autoarticolato, con targa straniera, enormi casse con all’interno oltre 8 tonnellate di sigarette di contrabbando.

Le “bionde”, di varie marche ma in prevalenza di tipo “Regina”, erano occultate all’interno di un carico di copertura costituito da bobine, grazie al quale i tir superavano tranquillamente i controlli su strada delle varie forze di polizia. Al termine dell’attività ispettiva, venivano rinvenuti oltre 8mila chili di tabacchi lavorati pronti per essere immessi sul mercato. Il valore del prodotto sequestrato è stato stimato in circa 700mila euro.

I cinque responsabili, 2 cittadini portoghesi nativi della Russia e 3 napoletani, sono stati tratti in arresto in flagranza di reato e posti a disposizione dell’autorità giudiziaria competente, mentre sono stati sottoposti a sequestro il deposito, i tabacchi, due furgoni per il trasporto e diversi transpallet per il carico e scarico.

La lotta ai traffici illegali in genere ed il contrasto al contrabbando, da parte del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, oltre a garantire condizioni paritarie di concorrenza tra gli operatori economici, tutela la salute dei consumatori e restituisce risorse allo Stato.

sigarette contrabbando striano