È un giovane carabiniere originario di Boscoreale e che è in servizio in Toscana, ad avere denunciato don Antonio Marrese, l’ex vicerettore del Santuario di Pompei, finito sotto inchiesta per stalking nei confronti appunto del militare dell’Arma, a cui avrebbe rivolto insistenti avances di carattere sessuale.

Intanto, mentre all’ombra del Santuario i fedeli sono sotto choc, continua l’inchiesta. Secondo quanto appreso a don Marrese è stato sequestrato anche il telefono cellulare, nel tentativo di verificare le denunce da parte del carabiniere. Gli inquirenti cercheranno infatti conversazioni via messaggi ed anche filmati contenuti sul dispositivo.

don antonio marrese (2)