Cineteatro Eliseo pieno, soprattutto di giovani, per l’apertura della campagna elettorale di Maurizio Falanga, candidato sindaco di Poggiomarino per il centrodestra e che stamattina ha ricevuto il sostegno ufficiale anche di Forza Italia. All’evento ha infatti preso parte il coordinatore cittadino, Antonio Miranda, fugando ogni dubbio sul futuro prossimo del partito di Berlusconi in città. E Falanga, avvocato al primo “appuntamento politico”, punta soprattutto sulla forza dei ragazzi, presenti in massa all’appuntamento di questa mattina.

«I giovani sono la risorsa principale – spiega – ma allo stesso tempo non si può fare a meno di chi mastica politica già qualche anno. È da questo “mix” che si può fare qualcosa di concreto. Lo slogan che abbiamo scelto è “Tocca a Te”, che è riferito non a me o alla squadra che ho intorno, ma a tutti, ad ogni poggiomarinese».

«Non mi va di parlare di cosa finora sia stato fatto per Poggiomarino o meno, voglio solo dire che non c’è stato un salto di qualità e che abbiamo emergenze mai risolte come gli allagamenti, le vasche e le fogne. Ho accettato questa candidatura – conclude Falanga – perché non voglio andare via dalla mia città, non voglio che i giovani vadano più via». Ed alla domanda su cosa farebbe nei primi cento giorni di eventuale mandato, risponde: «Nessuna tabella di marcia, le cose vanno studiate e fatte perbene, dunque inutile fare promesse se non quella dell’impegno».

“Madrina” del candidato a sindaco di centrodestra è stata l’ex ministro, Nunzia De Girolamo: «Sono stata spesso a Poggiomarino ed ho sempre visto una città addormentata su se stessa, come se avesse potenzialità importanti che però non vengono sfruttate. Poggiomarino è adesso una città periferica e tu, Maurizio – ha detto la deputata di Forza Italia, rivolgendosi a Falanga – puoi fare tanto ascoltando da vicino la gente e facendoti vedere, se necessario, anche in piazza ed al mercato. Spero di tornare qui tra un anno e sentire i cittadini che mi dicano “quanto è bello vivere a Poggiomarino”».

Sul palchetto degli ospiti anche il sindaco di Scafati, Pasquale Aliberti, che da parte sua non ha lesinato accuse dirette alla gestione amministrativa degli ultimi cinque anni, il coordinatore provinciale di Fi, Antonio Pentangelo, mentre per impegni inattesi è mancato all’appuntamento il primo cittadino di San Giuseppe Vesuviano, Vincenzo Catapano. Simpatico, infine, il filmato girato tra i cittadini con tanti bambini impegnati nel recitare lo slogan: “Tocca a Te”.

falanga (1)