Art therapy, come rilassarsi con i colori: ecco le tecniche e guarda la fotogallery


686

L’abilità di rilassarsi è difficile da conquistare, soprattutto a causa degli impegni che affollano le nostre giornate. Che sia definito “coulour book” o “art therapy”, che sia totalmente astratto o raffigurante temi concreti, quella del disegno è la nuova frontiera antistress, la nuova moda fra gli adulti di ogni età che fa seguaci in ogni parte del mondo.



Colorare non appartiene solamente al mondo dei bambini, non è un’attività esclusivamente legata all’infanzia, anche se è proprio in questa specifica fascia d’età che rappresenta un punto di partenza pedagogico, che permette di insegnare la relazione fra il colore e gli spazi, lasciandoli liberi di scoprire che, con la propria fantasia, si può colorare il mondo, alla ricerca di emozioni e sensazioni positive. Da grandi, invece, si perde tale capacità, e si comincia a chiudere la fantasia ad un angolo troppo ristretto, che annulla il benessere interiore e la pace che risiede nella positività con cui si affronta l’avvenire.

Definita come pura attività ricreativa, secondo i suoi teorizzatori, l’art therapy aiuta a ritrovare la pace e la serenità, a scaricare lo stress eccessivo e donare distensione mentale e una maggiore energia. Esistono libri specializzati ricchi di disegni particolareggiati e minuziosamente decorati su cui apporre il colore per passare qualche ora di svago. Da quelli orientaleggianti alle riproposizioni dei dipinti che hanno fatto la storia dell’arte, oppure animali e fiori stilizzati.

Si può condividere questo tempo con le persone che più si amano, condividere i disegni anche con i propri figli, riscoprendo l’importanza di passare tempo di qualità con essi. Quello del colore si aprirà come un mondo di bisogni primordiali che ci mettono in connessione con la materia fondamentale della propria vita. Si possono realizzare disegni al carboncino, con matite o penne colorate, pastelli, matite acquerellabili, pastelli a cera, tempere spennellate direttamente sul foglio e non diluite (l’acqua delle tempere altererebbe la composizione della carta), ma soprattutto con i colori a spirito, che danno un tocco di vivacità superiore, e tanto altro ancora.

Anche le tecniche per l’apposizione del colore possono essere varie. Se uno stesso disegno venisse ripetuto più volte non sarà mai identico a se stesso, perché una volta lasciati completamente liberi saremmo capaci di differenziarci per la possibilità di proiettarsi sulla propria quotidianità.

copertina

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE