Home Attualità Tumori, 16 milioni per visite gratuite: ecco tutte le città interessate dal...

Tumori, 16 milioni per visite gratuite: ecco tutte le città interessate dal progetto

Sette giorni per informare e sensibilizzare sul tema della prevenzione, della corretta alimentazione e dell’adozione di stili di vita sani. È questo l’obiettivo della Lega Italiana per la lotta contro i tumori che ha lanciato lo slogan “La mia ricetta della salute? La prevenzione”, in occasione della settimana nazionale per la prevenzione oncologica, giunta alla XV edizione.

«In Italia si registrano, ogni giorno, quasi mille nuovi casi di cancro – spiega Flora Beneduce, consigliere regionale della Campania e componente della commissione permanente che si occupa di Sanità e sicurezza sociale – Secondo l’Associazione italiana registri tumori, nel 2015 ci sono state 363.000 nuove diagnosi di tumore, il 54% fra gli uomini e il 46% fra le donne. Il dato confortante è che le percentuali di guarigione sono migliorate: il 63% delle donne e il 57% degli uomini è vivo a cinque anni dalla diagnosi. Il merito è da ascriversi soprattutto della maggiore adesione alle campagne di screening per individuare precocemente la malattia. In Campania c’è da lavorare molto: solo il 7% della popolazione ha beneficiato degli screening gratuiti curati dalle Asl».

«Ora, il governo centrale ha deciso di potenziare il sistema sanitario con 16 milioni di euro, da investire per l’omogeneità di protocolli di prevenzione su tutti i territori della regione, al fine di allargare le possibilità di controllo. Un risultato soddisfacente, se accompagnato da una giusta campagna di informazione e sensibilizzazione. Non sprechiamo questi fondi, investiamoli per indirizzare i cittadini verso la dieta mediterranea e corretti stili di vita, in grado di prevenire il cancro».

Intanto per quanto riguarda la Terra dei Fuochi ed i progetti relativi all’inquinamento, in Campania ci saranno screening gratuiti per un gran numero di città. In basso c’è l’elenco, in netto le città dell’area vesuviana coinvolte nell’operazione.

Acerra, Afragola, Arzano, Boscoreale, Boscotrecase, Brusciano, Caivano, Calvizzano, Camposano, Carbonara di Nola, Casamarciano, Casandrino, Casavatore, Casoria, Castello di Cisterna, Cercola, Cicciano, Cimitile, Comiziano, Crispano, Ercolano, Frattamaggiore, Frattaminore, Giugliano in Campania, Grumo Nevano, Liveri, Marano di Napoli, Mariglianella, Marigliano, Massa di Somma, Melito di Napoli, Napoli, Nola, Ottaviano, Palma Campania, Poggiomarino, Pollena Trocchia, Pomigliano d’Arco, Portici, Pozzuoli, Qualiano, Quarto, Roccarainola, San Gennaro Vesuviano, San Giorgio a Cremano, San Giuseppe Vesuviano, San Paolo Bel Sito, San Sebastiano al Vesuvio, San Vitaliano, Sant’Anastasia, Sant’Antimo, Saviano, Scisciano, Somma Vesuviana, Striano, Terzigno, Torre del Greco, Trecase, Tufino, Villaricca, Visciano e Volla per la provincia di Napoli; Aversa, Calvi Risorta, Cancello e Arnone, Capodrise, Capua, Carinaro, Carinola, Casagiove, Casal di Principe, Casaluce, Casapesenna, Casapulla, Caserta, Castelvolturno, Cesa, Curti, Falciano del Massico, Francolise, Frignano, Grazzanise, Gricignano d’Aversa, Lusciano, Macerata Campania, Maddaloni, Marcianise, Mondragone, Orta d’Atella, Parete, Pastorano, Pignataro Maggiore, Portico di Caserta, Recale, San Cipriano d’Aversa, San Felice a Cancello, San Marcellino, San Marco Evangelista, San Nicola la Strada, San Prisco, San Tammaro, Sant’Arpino, Santa Maria Capua Vetere, Santa Maria la Fossa, Sparanise, Succivo, Teverola, Trentola Ducenta, Villa di Briano, Villa Literno e Vitulazio per la provincia di Caserta.

Exit mobile version