Stavolta non si tratta di sospetti, ma purtroppo di casi di meningite verificati dai test medici. Ed a Sant’Anastasia torna il terrore perché a restare contagiati sono una ragazza di 25 anni residente in città ed un 61enne di Napoli, che però lavora proprio nella località vesuviana. Le condizioni della giovane sarebbero disperate: secondo quanto accertato sono stati già compromessi il cuore ed il cervello, ed ora si trova nel reparto di rianimazione dell’ospedale Cotugno di Napoli.

Gravissimo anche l’uomo, che però è ricoverato al Secondo Policlinico in isolamento, e a differenza della 25enne avrebbe qualche possibilità in più di salvarsi. Entrambi sono stati portati in ospedale lo scorso fine settimana in preda a febbre alta e ad altri disturbi tipici della meningite. Una volta appurato che arrivavano da Sant’Anastasia sono scattate tutte le procedure del caso: si sta cercando di capire se la giovane e l’uomo possano avere frequentato uno stesso luogo o se siano venuti in qualche modo in contatto.

In questo senso sta lavorando l’Asl che attende di capire se è il caso di partire con profilassi e disinfestazioni, ma naturalmente bisognerebbe prima verificare in quali luoghi. In questo momento, tuttavia, la popolazione teme per le sorti della 25enne e dell’uomo. Particolarmente la giovane è in condizioni davvero disperate e pare avere già subito conseguenze irreversibili.