Meritatissima la vittoria degli Stadio a Sanremo 2016, un trionfo che ha reso felici e soddisfatti ascoltatori di ogni età. Gli Stadio, infatti, spesso etichettati come “il gruppo di Dalla”, hanno finalmente ottenuto il loro riconoscimento per i 35 anni di carriera. Lontani dal target dei vincitori degli ultimi festival, appartenenti perlopiù ai talent, gli Stadio hanno presentato un brano particolarmente nostalgico, ma camuffato da suoni e melodia orecchiabili e incalzanti.

“Un giorno mi dirai” è questo il titolo della canzone vincitrice che fa parte del lavoro discografico “Miss Nostalgia”, uscito proprio nella settimana del festival. Il disco, composto da 12 brani, è impregnato di suoni live che rendono ancora più particolare ogni canzone. A fare da “apripista” è proprio “Miss Nostalgia”, brano che racconta di un vecchio amore, di ricordi passati, con un ritornello canticchiabile. A seguire “Un giorno mi dirai”, “Tutti contro tutti”, in collaborazione con un loro grande amico, Vasco Rossi.

La canzone è sullo stile di Vasco, rock e orecchiabile allo stesso tempo con un ritornello, quasi da tormentone da stadio. Quarto brano della tracklist è “Ti sto ancora cercando” che si allontana dall’arrangiamento del brano precedente, mostrando una melodia molto più pop. Quinto brano è “Rimini” arrangiato sullo stile di “immagini del nostro amore”, canzone stupenda di qualche anno fa. Sesta traccia è “Perché”.

Settimo brano è “Copriti che fuori piove”, brano che sigilla lo stile Stadio, con un mix di parlato e musica quasi da anni 80. Traccia otto è “Gioia infinita”, brano bellissimo, suonato con grande maestria da un gruppo che ha fatto la storia della musica italiana. Nona è “Anna che non si volta”, mentre ad occupare la decima traccia c’è “Domani”, brano quasi soul che racconta delle promesse fatte e non mantenute, rinviate appunto al domani.  Segue “Noi come voi” e per finire, non come importanza perché è forse il brano più bello del disco, c’è “L’autunno ti dona”, accompagnato da un pianoforte nostalgico e magico allo stesso tempo.

La grande atmosfera e la grandiosa interpretazione permettono a chi lo ascolta di entrare nei luoghi più profondi dell’anima, quasi come un percorso in se stessi. Un disco insomma, assolutamente riuscito e consigliato a tutti gli amanti della buona musica. Intanto è già partito il tour che vedrà protagonisti gli Stadio nei più prestigiosi teatri italiani.

miss nostalgia