Soficoop, il sindaco respinge le accuse: le famiglie a rischio sfratto saranno oggi in Comune


421

Dopo la manifestazione di ieri a Somma Vesuviana, oggi le famiglie a rischio sfratto saranno al Comune dalle 18 per incontrare il sindaco Pasquale Piccolo, che intanto si è detto accanto ai cittadini respingendo ogni accusa sulla questione. Tuttavia sono numerose le famiglie che rischiano lo sfratto dal rione Soficoop, da case in cui hanno vissuto anche trent’anni. E tutto a causa di mere procedure burocratiche.



«Io c’ero, ed ero lì a cercare una soluzione ad un problema risalente a quasi 30 anni fa, gli altri dov’erano – dice il primo cittadino – Mi corre comunque l’obbligo di precisare che la soluzione non dipende esclusivamente dalla volontà dell’Amministrazione attuale che è giunta a cose fatte e lontana dai giochi di “mazzette” come qualcuno sta dicendo. Ribadisco ancora una volta che il nostro interesse primario è la tutela dell’Ente e dei cittadini che comunque stanno vivendo, non per mia colpa, una situazione di disagio. Certamente ci vorrà del tempo per risolvere una situazione non facile, ma da parte mia ci sarà la massima disponibilità al colloquio e alle analisi di ogni possibile strategia».

Un tema bollente per Somma Vesuviana, che sta vivendo giornate terribili. In sostanza si tratta di alloggi popolari che parte degli inquilini stavano riscattando, salvo poi fermarsi quando vennero a galla i problemi burocratici relativi ad espropri e ad altre situazioni difficili da risolvere. Tra le famiglie in pericolo di finire in strada c’è chi aveva versato fino a 50 milioni di lire, oltre naturalmente ad avere messo mani al portafogli per i lavori di manutenzione. Una bomba ad orologeria pronta ad esplodere in città.

soficoop

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE