Altri due casi di meningite accertati tra Napoli e provincia, dopo il doppio episodio di Sant’Anastasia che sta creando non poco allarme in città nonostante le rassicurazioni del sindaco Abete e dell’Asl di zona. Stavolta a finire in ospedale sono una 30enne del quartiere Arenaccia, ricoverata all’ospedale Vecchio Pellegrini, ed una bambina di appena nove mesi residente a Casola di Napoli che si trova invece al Cotugno.

Lo stesso ospedale per malattie infettive dove è ricoverata la più grave delle persone ammalate: una 25enne di Sant’Anastasia, già mamma di un bambino, che è in condizioni critiche: la meningite, infatti, avrebbe compromesso le sue funzioni cardiache e cerebrali. L’ultimo caso riguarda un 61enne di Napoli che lavorava proprio a Sant’Anastasia e che si trova ricoverato al Secondo Policlinico.

Meningite