Il sindaco di Sant’Anastasia Lello Abete si è affidato ai social network per salutare la piccola S.G., deceduta a soli due anni e mezzo per un malore improvviso. Il primo cittadino, come tutta la località anastasiana, si è stretto intorno alla famiglia della bimba, lasciando un messaggio commovente. Questa settimana vogliamo aprire così SocialPolitik, che spesso si occupa invece di temi “frivoli”. In questo caso ci uniamo invece alla sofferenza di un intero popolo. Ecco cosa ha scritto Abete: «Una notizia, quella della scomparsa di una piccola anastasiana, mi ha totalmente sconvolto. Per l’intera giornata, il mio pensiero e la mia vicinanza ai suoi genitori sono stati un punto fermo: è un dolore talmente grande che merita soltanto silenzio e preghiera. Chiedo ad ogni anastasiano di fare lo stesso: questa sera prima di andare a letto, rivolgiamo un pensiero ed una preghiera per questa piccola anima che, sono sicuro, resterà sempre nel cuore di ognuno di noi».

Passando a temi diversi, ma comunque seri, c’è l’impegno del sindaco di Striano, Aristide Rendina, che la sera dell’8 marzo ha deciso di passare le Festa delle Donne al centro anziani insieme a numerose nonne cittadine. Un messaggio di vicinanza verso i più deboli ed un momento di festa in cui la fascia tricolore si è anche lasciato andare a qualche passo di danza con le pensionate.

Argomento ambiente, invece, per Poggiomarino dove l’assessore al ramo e vicesindaco, Gerardo Aliberti, ha comunicato via Facebook la «costituzione Ufficiale del Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Guardie Ambientali». L’appuntamento c’è stato ieri alle 16 nella stanza del primo cittadino. A Terzigno, invece, il presidente del consiglio comunale, Giuseppe De Simone, si schiera apertamente contro le trivellazioni, pubblicando una locandina in cui invita a votare “sì” al referendum.

Infine a San Gennaro Vesuviano, l’assessore Mariagrazia Nappi “scherza con l’acqua” insieme ai bambini delle scuole: «L’acqua è un bene vitale e non va sprecata – scrive – È importante informare i bambini su come utilizzarla. La cultura conosce varie strade per arrivare alla mente e al cuore delle persone, ma con i bambini io conosco un unico modo: “Giocando si impara”. Water Game il progetto della Gori nelle scuole».

nappi rendina