La Guardia di Finanza di Casalnuovo ha eseguito un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Gip presso il Tribunale di Nola, per oltre 1.250.000 euro nei confronti di un’impresa di Sant’Anastasia attiva nei servizi, fabbricazione di strutture e parti assemblate metalliche. L’inchiesta, scaturita da una verifica fiscale, ha consentito di scoprire un’ingente evasione fiscale da parte dell’impresa, risultata essere evasore totale per due annualità.

La stessa aveva omesso di presentare le prescritte dichiarazioni dei redditi, pur se operativa, occultando in tal modo compensi per 2.630.288 euro. Ingente è risultato il danno per l’erario attesa la rilevanza economica della società sottoposta a controllo, operante nell’area vesuviana. Gli anni di evasione contestati sono due, ed oltre a conti correnti ed immobili a Sant’Anastasia, sono stati apposti i sigilli anche a bene materiali tra Somma Vesuviana e Ottaviano riconducibili al titolare della società.

Inoltre, è stata rinvenuta una cassetta di sicurezza nella quale sono stati trovati gioielli vari, orologi d’oro e un diamante da investimento, tutto sequestrato dalla Guardia di Finanza del comando di Casalnuovo di Napoli su disposizione della Procura di Nola.

finanza