Si scava nella vita privata delle vittime per risolvere il giallo della morte di Francesco Tafuro, 33 anni, e Domenico Liguori, 32, uccisi con numerosi colpi d’arma nella serata di ieri nelle campagne di Saviano. I due – stando alle prime verifiche fatte dagli investigatori – non sarebbero legati alla criminalità organizzata sebbene Liguori fosse già noto alle forze dell’ordine per gioco d’azzardo.

In particolare si cerca di ricostruire le ultime ore delle vittime. I killer hanno sorpreso le vittime mentre viaggiavano in auto. Uno dei due corpi è stato trovato all’interno della vettura, mentre l’altro poco distante. Sull’episodio indagano i carabinieri di Nola e quelli del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna.

tafuro liguori