Sono tre le persone fermate dai carabinieri e che in questo momento sono in caserma a Nola, dove i militari dell’Arma e gli investigatori stanno portando avanti gli interrogatori. Secondo le forze dell’ordine si tratta di tre persone coinvolte nel duplice omicidio di Francesco Tafuro e Domenico Liguori, i due giovani uccisi con 13 colpi di arma da fuoco in via Olivella a Saviano. I tre sono in questo momento sotto torchio, e probabilmente gli 007 stanno cercando di inchiodarli per ottenere una confessione.

Il blitz è scattata all’alba, quando in seguito ad una serie di perquisizioni e controlli, gli uomini in divisa hanno identificato alcuni soggetti portandoli in caserma. Al momento non sono stati emessi fermi, novità giungeranno nelle prossime ore. Secondo quanto appreso – ma è un elemento da prendere con le molle – gli uomini portati in caserma sarebbero di Somma Vesuviana e Saviano, le stesse città in cui risiedevano e lavoravano le vittime dell’efferato duplice omicidio.

tafuro liguori