Stamane ha avuto inizio il processo per stalking a carico di Nunzio Annunziata, l’assassino reo confesso della povera Enza Avino, uccisa a Terzigno dal suo ex a colpi di pistola. La prima udienza per il delitto è invece programmata per il 13 febbraio. La giornata deve essere stata durissima per i familiari della vittima, così la mamma di Enza, Giovanna Gifuni, ha scritto una lettera di suo pugno, e diffondendola su Facebook, in cui ha raccontato altri particolari raccapriccianti sulla relazione tra sua figlia ed il 38enne.

«Quell’uomo voleva che mia figlia si prostituisse per mantenerlo», scrive la donna, che poi aggiunge nuovi episodi sulla violenza del killer: «Quando Enza decise di lasciarlo, Nunzio andava da amici in comune mostrando una pistola e dicendo che con quell’arma avrebbe ammazzato mia figlia se non fossero tornati insieme. E l’ha fatto veramente».

E poi ancora storie di aggressioni in pubblico, all’interno dei bar o anche in vacanza al mare, dove il 38enne aveva raggiunto la famiglia della vittima. La mamma di Enza parla inoltre di un presunto aborto a cui l’uomo avrebbe costretto la povera Enza.

enza avino (3)