Home Notizie Ingenito si dimette via Fb, la Manzi prega per Carla: a Poggiomarino...

Ingenito si dimette via Fb, la Manzi prega per Carla: a Poggiomarino è caos zanzare

SocialPolitik di questa settimana lascia poco spazio all’ironia e si concentra su temi piuttosto importanti anche se sempre relativi alla vita della “cosa pubblica” locale. E c’è chi utilizza Facebook anche per dire “addio”, o meglio “arrivederci” alla politica. È il caso del consigliere comunale di Palma Campania, Carmine Ingenito, che annuncia la sua volontà di volere abbandonare l’attività nell’assemblea: «Voglio abbandonare la politica e la vita», scrive citando Peppino Impastato. Ed in tal senso il quotidiano Roma di questa mattina ha riportato un post ben più ampio che tuttavia non siamo riusciti a trovare, in cui Ingenito sarebbe andato ben oltre: «Cari concittadini, è a malincuore che scrivo questo post a cui seguiranno le mie irrevocabili dimissioni da consigliere comunale. Oramai è da diverse settimane che non mi occupo più della “cosa pubblica” come una volta, che non svolgo più il mio ruolo di minoranza e opposizione per cui sono stato eletto due anni e mezzo fa». «Non si pensi che questa scelta sia a causa dell’ultimo episodio a me avvenuto (un’aggressione ndr). No, anzi, quello non è stato nulla in confronto a quello che ho subito in questi anni: insulti, illazioni, minacce spicciole e, cosa più grave di tutte, a causa del mio modo di fare politica ho allontanato e perso persone che per me erano come una famiglia e che mi volevano bene».

Di tema attuale, invece, il pensiero dell’assessore Ornella Manzi di San Gennaro Vesuviano, che si sta battendo in questo mandato proprio contro la violenza sulle donne e per la salute pubblica. La giovane componente della Giunta scrive per Carla, la 38enne arsa viva dal fidanzato nonostante fosse in gravidanza: «Preghiamo tutti per Carla Caiazzo, incinta all’ottavo mese, che è stata data alle fiamme dal suo fidanzato. La bambina che portava in grembo è nata e sta bene, lei gravissima. Forza Carla non mollare. Vi ricordo il nostro numero verde per denunciare 800960209».

A Terzigno, invece, ad annunciare opere via social è il sindaco Francesco Ranieri: «Sono ripartiti i lavori per il completamento del campo polivalente in via dei Pini, località Boccia al Mauro, bloccati da quasi un anno». Ed allega una foto del progetto, un’immagine quasi da fantascienza, come qualcuno dall’opposizione crede che sia.

Caos zanzare a Poggiomarino, laddove è stato tombato anni fa il Canale Conte Sarno, ma il vicesindaco ed assessore all’Ambiente, Gerardo Aliberti, rassicura tutti: «Problema zanzare tratto di via Iervolino. Stamattina è stata fatta la disinfettazione generale». Basta pruriti ed allarme, dunque e forse…

Infine il vicesindaco di Somma Vesuviana, Gaetano Di Matteo, si ferma sul razzismo nel calcio dopo l’indegno episodio in Lazio-Napoli: «Bene ha fatto Irrati a sospendere la gara tra Lazio e Napoli per i vergognosi cori contro Koulibaly, difensore del Napoli. Resta un dato: certe cose, come la stupidità di un branco di uomini e donne impropriamente definiti tifosi, non andrebbero confuse col razzismo. Il razzismo ha almeno due presupposti: una teoria della superiorità di una razza rispetto all’altra e l’universalità di tale scellerata teoria. Il fatto che la Lazio, così come buona parte delle squadre di calcio, abbia calciatori come Keita e Konko dimostra quanto più che di razzismo di debba parlare di emerita stupidità da esporre nelle curve degli stadi. Ora ci si attende che la Federazione prenda provvedimenti altrimenti staremo qui a commentare l’ennesimo atto (dovuto) di un arbitro in un sistema che si nega gli anticorpi».

Posting....
Exit mobile version