Prosegue l’opera di informatizzazione dei servizi offerti dal Comune di San Giuseppe Vesuviano. Già durante la scorsa primavera aveva fatto capolino, tra le applicazioni per smartphone e tablet, l’app istituzionale per dispositivi Android ed iOS. Poi, a dicembre è toccato all’attivazione della webcam puntata sulla piazza principale della città, rivestita di luci natalizie. Ora è il turno della mensa scolastica: via la carta, via i tempi morti di rilevazione delle prenotazioni giornaliere, nessun costo aggiuntivo per gli utenti.

Da lunedì primo febbraio si potrà dire addio al vecchio sistema di prenotazione dei pasti. Il progetto, curato dal Servizio Politiche Culturali – diretto da Giovanni Scudieri – in sinergia con Raffaele Miranda – ingegnere a capo del Servizio Sistemi Informativi dell’Ente che sta contribuendo all’ammodernamento tecnologico dei servizi – consente al Comune di San Giuseppe Vesuviano di consolidarsi, di fatto, come punto di riferimento della Campania in termini di innovazione.

Beneficiari delle novità introdotte dalla refezione scolastica informatizzata saranno gli alunni delle scuole dell’infanzia e le loro famiglie, non più costrette a consegnare ogni giorno i tagliandi cartacei per consentire ai propri bimbi di usufruire del pasto. Basterà, d’ora in poi, iscriversi al servizio presso l’Ufficio Pubblica Istruzione e ricaricare il proprio conto virtuale. Il pasto sarà prenotato ogni giorno in automatico e, per disdire la prenotazione o variare il menù, sarà sufficiente una telefonata gratuita o l’accesso al portale web dedicato.

«Il digitale è il presente ed il futuro – ha dichiarato Vincenzo Catapano, sindaco della città – e, per questo, continueremo ad investire con determinazione in nuove tecnologie che semplifichino la vita dei cittadini, avvicinandoli alle istituzioni. La mensa informatizzata, tra l’altro, garantisce maggiore trasparenza nella gestione del servizio».

Sulla stessa lunghezza d’onda Dolores Leone, assessore con delega alla Pubblica istruzione: «Si tratta di una nuova tecnologia che semplifica l’accesso alla mensa e consente di conoscere quanti pasti al giorno vengono erogati, potendo disporre di dati trasparenti ed aggiornati in tempo reale». Per facilitare la transizione al nuovo sistema di fruizione della mensa, è prevista a partire sin da lunedì primo febbraio la distribuzione nelle scuole della città del materiale informativo.

mensa