Scatterà questa mattina l’ultima fase preliminare della “raccolta differenziata 3.0” avviata dal Comune di Striano e che già nel solo primo mese di attività, pur non ancora completa in tutti i suoi punti, ha portato la piccola cittadina vesuviana a rompere il muro del 70% di rifiuti riciclati, portando in soli trenta giorni al 14% rispetto ai mesi precedenti.

Da stamane, dunque, sarà possibile ritirare i contenitori per la raccolta differenziata presso il Centro Sociale in via Beniamino Marciano, tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. Il personale delle guardie ecozoofile dell’Anpana Oepa di Striano saranno presenti per la consegna e per piccoli suggerimenti da dare ai cittadini in merito alla suddivisione degli scarti. In sostanza si tratta dei contenitori dotati di un particolare microchip che consentirà a tutti di potere pesare la quantità di rifiuti conferiti che sarà poi appuntata dagli operatori che ritireranno l’immondizia prodotta da ciascuna utenza cittadina.

Un modo per permettere a tutti di pagare già dal prossimo anno una cifra più equa rispetto all’effettiva quantità di scarti depositati, ed un modo per tenere sotto controllo l’intera filiera di smaltimento e dunque ripulire di conseguenza la città vesuviana. E fino ad oggi i risultati sono stati già impressionati al punto da candidare nuovamente Striano tra i comuni “ricicloni” dopo un anno di flessioni dal punto di vista della raccolta differenziata.

raccolta differenziata