Raccoglie petardo inesploso, bimbo di 10 anni perde due dita: dramma a Somma


343

La conta dei feriti per i botti di Capodanno non finisce con la notte di San Silvestro, e come spesso accade si contano i danni dei botti rimasti in strada inesplosi e che vengono raccolti dai più piccoli. È successo a Somma Vesuviana nella giornata di ieri ad un bambino di dieci anni di origine romena e residente in città già da diversi anni con i genitori.



Il piccolo era sceso in strada con alcuni amici, ed ha trovato un botto inesploso sull’asfalto: neppure il tempo di raccoglierlo che il petardo gli è scoppiato tra le mani, facendogli saltare le falangette del medio e dell’indice. Le urla di paura e dolore e poi la corsa in ospedale, fino al Santobono di Napoli dove i medici gli hanno riattaccato le parti della dita che si erano staccate.

Il bambino resterà ancora un giorno o due in ospedale per valutare eventuali ed improbabili rigetti delle falangi rimesse a posto dai sanitari dell’ospedale pediatrico. Per fortuna il piccolo dovrebbe guarire e riacquistare la funzionalità dell’arto al 100% nonostante le gravissime ferite.

botti bambino

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE