Lotta ancora per la vita il bimbo di un anno che ieri sera è stato lanciato nel vuoto dalla madre, dal balcone dell’abitazione della sorella al primo piano di un edificio in via Cazzulli ad Ottaviano. Il piccolo è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale pediatrico del Santobono di Napoli per le gravi fratture ed un trauma cranico riportati nella caduta.

L’episodio è avvenuto intorno alle 19, e in un primo tempo era apparso un incidente. La madre 39enne, che soffre di problemi psichici ed è in cura in un centro privato, con il bambino in braccio, era al balcone. Le sue urla «è caduto» hanno attirato l’attenzione di parenti e vicini.

Solo più tardi, ha ammesso di essere stata lei a lasciarlo cadere nel vuoto, dopo essersi sporta dalla ringhiera. Ora è in clinica sottoposta a fermo di polizia giudiziaria per tentato omicidio e piantonata dai carabinieri anche per paura che possa commettere qualche gesto insano.santobono