Resta la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per un assicuratore 40enne di Striano, L. S., finito nel vortice di un’inchiesta che nel 2014 portò a ben 16 arresti. Il caso è quello di polizze intestate a società false, e con l’intento di truffare le compagnie, per cui finì nei guai anche il noto professionista strianese.

Secondo i legali del broker, tuttavia, il loro assistito non avrebbe commesso alcun reato poiché nella sola polizza per cui viene accusato il 40enne, il nome dell’associazione intestataria era corretto. Al momento, però, resta la misura della presentazione alla locale caserma dei carabinieri, poiché il ricorso degli avvocati è stato giudicato inammissibile.

assicurazioni