Capita ancora oggi di effettuare dei viaggi alquanto “terribili”: tutto ciò accadde in Campania e più nello specifico negli automezzi Eav, dove molti utenti lamentano disagi sulla tratta San Giuseppe-Fisciano su cui soprattutto quando piove i pullman presentano delle piccole e invisibili fessure da cui entra l’acqua piovana e provocano enormi disagi negando a molti utenti la possibilità di potersi sedere.

Ma i rischi maggiori li corrono gli utenti che restano alzati e che corrono il rischio di cadere, magari perché l’autista del mezzo effettua una brusca frenata o perché affronta una curva molto stretta a velocità sostenuta. E tra gli utenti c’è chi parla e lamenta: «Nei giorni di forti pioggia dobbiamo tirare a indovinare dove poterci sedere perché magari ci sediamo in una parte del pullman da cui potrebbe entrare acqua da un momento all’altro, ma purtroppo a volte capita che l’acqua entra anche dai finestrini apribili perché le guarnizioni sono usurate».

Molti passeggeri lamentano anche che «nonostante le tante segnalazioni fatte la situazione è peggiorata, infatti nonostante ci troviamo nel 2016 capita ancora di dover assistere a delle scene di assalto alla diligenza per poter trovare posto all’interno dell’autobus, magari sui sedili non bagnati. Infatti a volte capita che alcuni restino fuori dal pullman perché non c’è più posto e quindi diventa fondamentale entrare quanto prima all’interno per trovare un posto».

La tensione è particolarmente palpabile nell’aria e molti utenti si chiedono se «il prezzo del biglietto è commisurato alla qualità del servizio» e la conclusione purtroppo è la seguente: «Da anni stiamo assistendo ad un rapido e inesorabile e costante declino provato dalla superficialità della manutenzione».

pioggia eav