I carabinieri della tenenza di Cercola hanno arrestato a Volla per estorsione aggravata dal metodo mafioso, ai danni di un imprenditore 41enne, Vincenzo Coppola, 58enne, residente a Somma Vesuviana, già noto alle forze dell’ordine e ritenuto contiguo al clan dei “Veneruso”.

I militari dell’Arma hanno identificato Coppola e accertato che nel periodo delle festività natalizie aveva insistentemente cercato un incontro con la vittima avanzando con fare intimidatorio, sia di persona che con sms, la richiesta di non definita somma di denaro per non meglio precisati “amici”. Ieri l’estorsore, i cui movimenti erano costantemente monitorati dai carabinieri, si è recata in un bar di Volla per l’incontro.

Ed è lì che ha ricevuto dall’imprenditore una busta contenente 1.000 euro in denaro contante, venendo subito dopo bloccato dalle forze dell’ordine. L’arrestato è stato portato nella casa circondariale di Poggioreale.

carabinieri notte