Anziano solo e povero si ammala, il Comune di Striano gli paga cure e degenza in casa di riposo


182

Era malato, da solo e senza la possibilità di potere affrontare una cura: ma non stava così male da potere essere ricoverato in una struttura ospedaliera. Così il Comune di Striano si è accollato le spese per trattenere in casa di riposo un anziano della città, che si era buscato una forte bronchite e che completamente solo al mondo non aveva nessuno che poteva prendersi cura di lui.



Insomma, per il “nonnino” c’erano iniezioni da fare, medicinali da prendere e terapie da seguire: avrebbe dovuto fare tutto senza avere nessuno accanto, oltre a disporre soltanto della pensione minima. Così, dopo una segnalazione giunta all’Ente municipale, sono arrivati gli assistenti sociali a casa del pensionato, che hanno valutato le condizioni di pericolo in cui viveva il malcapitato.

Il medico curante dell’anziano aveva in tal senso riferito che lo stato di salute non era tale da potere essere ricoverato in ospedale, ed a questo punto l’assessorato alle Politiche sociali si è preso a carico la salute del nonnino. Gli uffici comunali hanno contattato una casa di riposo nella zona, scegliendo alla fine per prossimità e per costo la “casa albergo” Martinitt di Poggiomarino in via Vastola: il costo dell’assistenza per l’anziano malato è stato di 40 euro al giorno, compreso di vitto, alloggio ed anche naturalmente delle cure mediche previste e del sostegno sanitario.

In totale l’uomo è rimasto nella struttura per 15 giorni esatti per un totale di spesa da parte del Comune che ha sborsato 600 euro. Periodo in cui l’anziano si è ripreso fisicamente riuscendo a tornare a casa dove ha ripreso a badare a se stesso. Insomma, una storia a lieto fine dove l’Amministrazione comunale ha saputo mostrare vicinanza ad un cittadino in grossa difficoltà prima che se la situazione potesse degenerare.

Anziano-truffato

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE