Stava tornando dall’Agro-nocerino-sarnese a Poggiomarino, ma quando era quasi arrivato a casa ha perso il controllo della sua autovettura andando a sbattere violentemente contro un muretto di una ditta che produce conserve proprio al confine tra la città vesuviana e San Marzano sul Sarno. Alla guida c’era un 25enne di Poggiomarino che nell’impatto ha riportato un trauma cranico non grave, delle forti contusioni alle braccia e ad una gamba, e diverse escoriazioni ed ematomi sparsi per il corpo.

Nulla di grave, insomma, rispetto a quello che sarebbe potuto accadere viste le condizioni del veicolo, una Fiat 500L di colore rosso, che è finita completamente distrutta nella parte anteriore e con segni vivissimi dell’impatto anche nella zona posteriore. Il giovane è stato caricato da un’ambulanza del 118 e portato al pronto soccorso dell’ospedale Martiri del Villa Malta di Sarno dove è stato dimesso dopo essere stato medicato ed in seguito a qualche ora sotto osservazione per valutare la situazione cerebrale del ferito.

Non è andata meglio neppure al muretto che costeggia una nota fabbrica di conserve di pomodori della zona, che è stato letteralmente sbriciolato dallo schianto. Il muro di cinta, infatti, ha riportato danni importanti per circa quattro metri di lunghezza, con la costruzione che è ancora in parte pericolante nonostante sia stato impedito l’accesso a tutti attraverso un cordoncino. In tal senso c’è addirittura una ringhiera, a cui è attaccato un grosso pezzo di roccia, che traballa in maniera piuttosto pericolosa.

Al lavoro per cercare di capire la dinamica del sinistro ci sono i carabinieri e la Guardia di Finanza, con la caserma a poca distanza dall’impatto e che è intervenuta attirata dal rumore provocato dall’incidente. Il giovane alla guida, per fortuna, è uscito dall’abitacolo con le proprie gambe, tranquillizzando subito tutti sulle sue condizioni. L’automobilista è stato sottoposto ai test tossicologici per capire se stesse guidando o meno sotto l’effetto di alcol o sostanze stupefacenti.

Torna in tal senso la problematica di via Nuova San Marzano quale strada killer: come in molte arterie di periferia a Poggiomarino mancano dossi e rallentatori per cui sono in tanti, e soprattutto giovani, a premere il pedale dell’acceleratore mettendo a rischio la propria vita e quella degli altri.

incidente poggio