“Colpo grosso” prenatalizio per i ladri, ma lacrime amare per la povera donna a cui sono stati sottratti quasi tutti i suoi averi. Una domenica sera a tratti drammatica quella vissuta a Poggiomarino, in via Pietro Mascagni, nel popoloso rione “Battaglia”. Erano infatti poco prima delle 21,30 quando un’anziana ha fatto ritorno a casa dopo avere trascorso la giornata fuori con i familiari. Entra e trova il suo appartamento a soqquadro, segno inequivocabile che siano penetrati i ladri nel corso del pomeriggio: la pensionata prova a cercare laddove aveva nascosto preziosi e soldi in contanti, ma non trova nulla.

I malviventi avevano razziato tutto, portato via ogni cosa di valore dall’abitazione della donna, che a questo punto ha cominciato ad urlare ed a chiedere aiuto ai vicini. Dalle abitazioni attigue sono giunti in molti, credendo in un malore da parte della malcapitata. Ma arrivati sul posto si sono resi conto immediatamente di cosa fosse accaduto, un furto ingente di cui ognuno del condominio avrebbe potuto essere la vittima. In totale i balordi hanno portato via all’anziana qualcosa come 10mila euro in denaro contante che teneva in casa, oltre a tantissimi monili in oro da un valore approssimativo di circa 50mila euro, insomma i risparmi di una vita intera, che la poverina aveva nell’appartamento e che credeva fossero quindi al sicuro.

Sul posto sono intervenuti, allertati dai vicini, i carabinieri della locale stazione agli ordine del maresciallo Andrea Manzo. Sono partite le perlustrazioni e le ricerche di tracce, così come gli interrogatori alle persone che vivono nella palazzina per riuscire a capire se avessero colto segnali del furto. I militari dell’Arma stanno inoltre cercando qualche telecamera di videosorveglianza in zona per provare ad indentificare i delinquenti entrati in azione nel cuore della città vesuviana.

Al momento l’unica certezza è l’orario approssimativo in cui i ladri hanno agito: un arco temporale che va dalle 14 fino alle 21, quando la pensionata è stata ospite altrove per la domenica in compagnia. Secondo quanto appreso i balordi sarebbero entrati in casa della donna, al secondo piano, sfruttando le impalcature di una ditta edile che ha effettuato alcuni lavori di restyling della facciata. Installazioni che sono rimaste sul posto nonostante le opere siano ormai finite da tempo, e che secondo quanto raccolto non intenderebbe rimuovere prima di risolvere un contenzioso con l’amministrazione del condominio.

A quel punto, per i ladri, è stato un gioco da ragazzi arrampicarsi e poi forzare una finestra dell’abitazione. Una volta entrati hanno messo tutto sottosopra fin quando non hanno trovato l’oro ed i soldi in contanti. Per i malviventi, dal loro punto di vista, sarà un ottimo Natale.

Ladro