Per cinque ore e mezza, giovedì pomeriggio, la fidanzata di Giosuè Ruotolo, che rimane l’unico indagato per il duplice omicidio di via Interna, è finita nuovamente sotto torchio. Per la terza volta la giovane è stata sentita dagli inquirenti come persona informata sui fatti. È stata un’audizione in trasferta, per i due sostituti procuratori titolari dell’inchiesta, Pier Umberto Vallerin e Matteo Campagnaro, che sono nuovamente arrivati a Somma Vesuviana.

I due titolari dell’inchiesta resteranno ai piedi del vulcano fino a metà della prossima settimana, proprio per raccogliere nuove testimonianze, nella cerchia delle vecchie amicizie dell’indagato, e per risentire alcuni teste chiave alla luce dei nuovi riscontri e sviluppi dell’indagine. Fra questi, c’è appunto anche la fidanzata del giovane militare campano.

Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire il movente dell’omicidio di Teresa Costanza e Trifone Ragone. Evidentemente presumono che la fidanzata dell’indagato possa aiutarli a fare chiarezza su alcuni passaggi e in particolare sullo scambio di sms con Giosuè la sera del 17 marzo. Su questo punto, infatti, i pm non avevano avuto ancora modo di confrontarsi. Si scava in profondità anche nella relazione sentimentale fra i due ragazzi.

giosuè ruotolo procura