Rompe gli indugi il sindaco di Pompei, Nando Uliano, che questa mattina ha emanato l’ordinanza che vieta i fuochi d’artificio per festeggiare il Capodanno: in realtà si tratta di disposizioni “morbide” che garantiranno ai professionisti del settore pienamente in regola di potere comunque lavorare. Il primo cittadino, infatti, scrive nel documento che è fatto divieto di commercializzare i cosiddetti botti killer e naturalmente di esploderli.

L’ordinanza è stata girata a tutte le forze dell’ordine cittadine ed alla polizia municipale, ed i trasgressori saranno puniti con una pena pecuniaria che va dai 25 ai 500 euro, oltre naturalmente ad eventuali e probabili procedimenti penali che saranno aperti nei confronti di chi verrà trovato in possesso del materiale esplodente.

sequestro botti