Si tratta di una “resistenza” vera e propria quella che Neffa ci propone nel suo nuovo album. Un lavoro contraddistinto da molteplici novità, dal sound ricco di suoni live e tecnologici insieme, un nuovo modo di arrangiare i suoi brani, ricchi di testi impegnativi, ma nello stesso tempo accompagnati dalla musica leggera sonora e in alcuni brani quasi rock, mentre in altri tocca le vette più alte del blues, soul, e jazz.

Insomma, un bagaglio sonoro pieno di energia e carico di tutto ciò che contraddistingue un artista come Neffa, che si diverte a raccontare di Twitter in “Twit”, o paragonare le stelle in “lampadine”. L’album si apre proprio con “Resistenza” con un messaggio politico forte e preciso: «Ci hanno messo in un angolo e ci tagliano i viveri, ogni giorno è una guerra ormai e noi dobbiamo combattere», dalle sonorità vagamente reggae rivisitate in chiave pop.

Secondo della lista è “Colpiscimi”, ma fa quasi da primo per le sue sonorità ed i suoi effetti, arrangiata insieme agli Gnu Quartet. L’ottavo album dell’artista, pubblicato lo scorso settembre, contiene il brano “Sigarette” che ha letteralmente spopolato tra le top ten.

Presente in tutte le programmazioni radiofoniche proprio per la sua briosità e il suo motivetto facilmente canticchiabile. Insomma, un disco che promette grandi emozioni ed un ascolto che ad ogni traccia trova qualche elemento particolare e diverso rispetto al brano precedente.

neffa