«Le partite pregresse per la fornitura idrica in Campania sono inefficaci. Una buona notizia per i tanti cittadini della nostra regione ed in particolar modo per quelli dell’area vesuviana e dell’agro nocerino sarnese – è quanto dichiara Mario Casillo, capogruppo del Partito Democratico in consiglio regionale – In questo modo abbiamo voluto dare una risposta concreta ai tanti cittadini campani che vivevano con giusta apprensione la questione legata alle partite pregresse della Gori».

«Grazie ad un articolo contenuto nel maxi-emendamento alla finanziaria regionale, che aggiunge un nuovo comma alla legge regionale sull’acqua, approvata lo scorso novembre, tutti gli atti per i quali pendono ricorsi in sede giurisdizionale amministrativa e adottati dai Commissari nominati per la liquidazione dei soppressi Enti d’Ambito in materia tariffaria e di conguagli tariffari sono inefficaci», dichiara l’esponente del Pd.

«Con questo atto, che dopo essere stato licenziato in commissione bilancio della Regione nella serata di sabato e che arriverà in consiglio prima di Natale, abbiamo rafforzato ancora di più il potere dei sindaci e dei cittadini. In questo modo affidiamo il futuro della Gori ai territori. Un provvedimento in linea con la nostra idea di gestione dell’acqua quale bene pubblico», afferma Casillo.

«Vorrei ringraziare il deputato Massimiliano Manfredi da sempre attento rispetto a questa problematica, ed i colleghi consiglieri Gennaro Oliviero, Enza Amato e Bruna Fiola che hanno sottoscritto con me questo emendamento», conclude il capogruppo del Pd.

bollette gori