Striano di corsa e senza personale: 2.500 euro per distribuire le cartelle della Tasi


289

Quasi 550 euro per le buste con i loghi del Comune, circa 1.500 per effettuare le consegne all’interno della cassette postali e se è possibile anche a mano, e altre 530 euro per la stampa e l’imbustamento delle cartelle. Tutto per un totale di circa 2.500 a cui va naturalmente aggiunta l’Iva.



È la cifra che il Comune di Striano si trova a pagare per fare arrivare in tempo, nelle case di quasi tutti i cittadini, le fatture per la terza rata della Tasi, la tassa per i rifiuti ed i servizi indivisibili. Al contrario, infatti, le lettere sarebbero arrivate nelle residenze della popolazione già in ritardo, con utenze che sarebbero finite per essere morose prima del tempo. Vuoi per un mero ritardo organizzativo, vuoi per la carenza cronica di personale di cui soffrono gli Enti locali, il palazzo municipale di Striano si è dovuto affidare a ben tre imprese che potessero prendere a carico i servizi affinché non ci fossero problemi nel recapitare la terza rata dalla Tasi.

Una nuova corsa contro il tempo, insomma, che ovviamente ha un costo. Una cifra irrisoria, naturalmente, rispetto alla molte di imposte che a breve dovrebbero entrare nelle casse comunali. Intanto sono state anche liquidate circa 3mila euro alla società che ha effettuato la riscossione dei crediti diventati non più esigibili.

striano

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE