È un rapinatore “professionista” e da qualche anno ha lasciato San Giuseppe Vesuviano per trasferirsi in Versilia. E anche nella riviera toscana aveva continuato il suo “lavoro” tanto da essere arrestato due volte nel 2009. E proprio per quelle due rapine, di cui una aggravata da estorsione, il pluripregiudicato 40enne Pasquale Prisco era stato condannato, anche se attualmente era libero.

Nel frattempo, però, la condanna è diventata definitiva e così l’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica di Lucca ha emesso nei suoi confronti un ordine di carcerazione. E nel pomeriggio di martedì per Prisco è arrivato il momento di pagare il debito con la giustizia.

Ad ammanettarlo sono stati i poliziotti del commissariato di Viareggio, che dopo avergli notificato il provvedimenti restrittivo lo hanno portato in carcere a Lucca. Prisco deve scontare una condanna a 4 anni e 8 mesi di reclusione, oltre che pagare una multa di 800 euro per due rapine, una aggravata da estorsione, avvenute nella primavera del 2009 in Versilia.

rapina armata